MAL DI TESTA DA CERVICALE

MAL DI TESTA DA CERVICALE

Nel linguaggio comune il mal di testa da cervicale è un dolore che si localizza o esordisce nella regione cervicale ed è un sintomo che può avere maggiore durata rispetto alla cefalea tensiva e all'emicrania.

Occorre tuttavia precisare che, spesso, il dolore localizzato a livello cervicale è l’espressione di alcune forme di cefalea primaria, quali la cefalea tensiva e l’emicrania.

La cefalea da distorsione cervicale (noto come “colpo di frusta”) è attribuita ad un trauma cranico e/o cervicale. Nella forma acuta la cefalea si risolve entro 3 mesi dal trauma, e può presentarsi come sintomo isolato oppure nel contesto di una costellazione di sintomi che comprendono vertigini, dolore al collo, alle spalle e/o al braccio, stordimento, affaticabilità, disturbi dell’umore, insonnia, difficoltà di concentrazione e di attenzione.

Caratteristiche che tendono a distinguere le cefalee causate da patologie della colonna cervicale dall’emicrania o dalla cefalea tensiva comprendono: un dolore laterale fisso, la riproduzione della cefalea tramite la pressione sui muscoli del collo o il movimento del capo e l’irradiazione del dolore alla spalla o al braccio.

La diagnosi quindi si basa su una dettagliata raccolta della storia del paziente, su un esame obiettivo completo e, in caso di trauma o di sospetta patologia della colonna cervicale, sull’esecuzione di opportune indagini strumentali e di laboratorio. La terapia dipende dalla patologia sottostante e comprende terapie farmacologiche e di riabilitazione.

Vista la lunga durata del sintomo, un farmaco dalla prolungata azione analgesica, come il naprossene sodico in formulazioni a rapido assorbimento, consente di intervenire per bloccare prontamente il manifestarsi di episodi con dolore continuo e che possono peggiorare in intensità.