EMICRANIA MESTRUALE

EMICRANIA MESTRUALE

L'emicrania mestruale, comunemente definita come mal di testa da ciclo, colpisce più del 50% delle donne e si presenta immediatamente prima, durante e/o subito dopo i primi giorni del ciclo mestruale.

Si tratta di un disturbo che può manifestarsi anche in maniera molto intensa, con effetti disabilitanti in grado di influenzare in modo significativo la routine quotidiana e lo stile di vita. Può influire negativamente anche sul lavoro, comportando una perdita di produttività e un peggioramento delle proprie performance professionali poiché incide anche su umore e concentrazione.

Il dolore ha infatti un'intensità molto severa e si presentano sintomi di accompagnamento molto importanti come mal di pancia, mal di schiena, astenia, depressione, irritabilità e variabilità dell’umore per citarne alcuni.

Frequentemente l’emicrania mestruale esordisce con il primo ciclo mestruale (menarca) e, in considerazione dell’assenza di fluttuazioni ormonali, migliora sostanzialmente o regredisce durante la gravidanza e dopo la menopausa.

Anche se non si può evitare che si presenti l’emicrania mestruale, si può però intervenire con un trattamento tempestivo di "pronto intervento" già dai primi sintomi, per evitare che esso si scateni in attacchi più forti e dolorosi. La terapia di attacco prevede l'assunzione di farmaci antinfiammatori da automedicazione, come l’ibuprofene sale sodico che risulta più facilmente assorbibile e quindi dotato di un’azione analgesica più rapida contro i sintomi dolorosi, o farmaci più specifici in casi selezionati.