IL BISOGNO DI RIPOSO: UN SINTOMO DELL'EMICRANIA

IL BISOGNO DI RIPOSO È UN SINTOMO DELL'EMICRANIA

Il comportamento dei pazienti con emicrania durante l'attacco è caratteristico: cercano il riposo fisico e mentale, in un ambiente il più possibile privo di stimoli esterni e se, possibile, dormono.

La ricerca di riposo psicosensoriale ha un significato comportamentale ("utilità soggettiva") ed è dunque sintomo dell’emicrania.

Il mal di testa è “inevitabile”, pertanto il soggetto che ne soffre mette in atto delle strategie di adattamento (coping emozionale) di tipo passivo, cercando il riposo.

Questa visione di dolore inevitabile come adattativa era già stata ipotizzata da Darwin nella sua visione evoluzionista delle emozioni nell'uomo e negli animali, in cui scriveva che "non appena il malato è pienamente consapevole del fatto che nulla può essere fatto, la disperazione o profondo dolore prende il posto del dolore frenetico. Il malato siede immobile, o delicatamente dondola avanti e indietro”.

Le risposte di difesa rappresentano risposte adattative innate tipiche di tutte le specie di mammiferi. Queste risposte si sono conservate evolutivamente e il loro ruolo adattativo ha un valore di sopravvivenza.